Archivio per Autore primaposizione

Gierre sedute: cosa offriamo

Gierre sedute

Come saprai, l’ambiente di lavoro è uno dei luoghi in cui si trascorre la maggior parte del proprio tempo. Perciò, è fondamentale che offra tutti i confort necessari.

In Gierre Sedute, ad esempio, forniamo gli strumenti necessari per realizzare un ufficio confortevole e in linea con le esigenze di chi andrà a viverlo giorno dopo giorno.

La nostra storia

In Gierre Sedute operiamo nel settore da oltre 30 anni.

Ci impegniamo ogni giorno per offrire ai nostri clienti prodotti dal design unico, che sappiano conquistare gli amanti del Made in Italy, ma anche tutti gli appassionati di arredamento nel panorama internazionale.

Siamo un’azienda del padovano che deve il proprio nome a Gherardo Renzo, il quale negli anni ha saputo imporsi nel mercato non solo italiano ma anche internazionale. La passione per il prodotto, la cura dei dettagli, l’attenzione alle nuove tendenze e la ricerca di materiali e tecnologie all’avanguardia sono tutto ciò che contraddistingue l’azienda.

Siamo presenti nel territorio nazionale con più di 800 punti vendita e tutte le nostre sedute vengono prodotte in Italia con la garanzia di design e solidità.

Dove puoi acquistare i nostri prodotti

Se desideri toccare con mano la qualità delle nostre sedute o se sei solamente curioso di avere maggiori informazioni, ti consigliamo di recarti in uno dei nostri punti vendita. Ad oggi, sono oltre 800 negozi, di cui 700 sparsi in tutto il territorio italiano.

In Gierre Sedute offriamo un catalogo ampio e molto variegato in modo da permettere ai nostri clienti di trovare l’articolo perfetto per le loro esigenze.

Puoi trovare:

  • Sedie direzionali;
  • Sedie operative;
  • Sedute per sale convegni;
  • Sedute per sale d’attesa;
  • Accessori e punti luce ottimale per gli uffici;

E tutti gli accessori necessari per completare con stile l’arredamento del tuo ufficio. Il nostro obiettivo non è solo quello di creare nuovi prodotti ma anche di garantirti una continua assistenza sia in pre che in post vendita.

Sedie da ufficio: come scegliere quella giusta?

Sedie da ufficio

Se sei alla ricerca di sedie da ufficio che forniscano massimo comfort e abbiano uno stile ottimale, questo articolo è quello che fa per te.

Allora, il primo aspetto fondamentale da considerare è l’ambiente in cui la sedia deve essere utilizzata, quanto hai bisogno di spostarti nello spazio e quanto verrà utilizzata nel tempo.

Detto ciò, vediamo insieme come scegliere la sedia giusta per il tuo ufficio.

Quali sono gli aspetti da valutare?

Per scegliere delle sedie da ufficio ottimali devi considerare 3 aspetti principali, ovvero: base della sedia, sagomatura/imbottitura e rivestimento.

  • Base della sedia: è essenziale che una sedia da ufficio sia dotata di ruote, in modo da dare la massima possibilità di movimento. Inoltre, sono essenziali anche a livello ergonomico perché creano una postazione di lavoro ottimale. E per avere la massima stabilità si consiglia il supporto a 5 piedi, mentre per la scelta del materiale dipende dal pavimento (ma di solito quelle in gomma sono le più versatili).
  • Sagomatura/imbottitura: è importante che la sedia segua la curva naturale della schiena, ma meglio ancora se ha un supporto lombare. Tuttavia, negli ultimi anni si tende a scegliere modelli senza l’imbottitura per far circolare meglio l’aria. Ma dov’è presente, invece, si consiglia di scegliere le sedie con bordi imbottiti su tutti i lati e il bordo anteriore arrotondato, così da far meglio circolare il sangue nelle gambe.
  • Rivestimento: è fondamentale scegliere dei materiali che non trattengono il calore del corpo e che favoriscano la circolazione dell’aria. Quindi il rivestimento che ti consigliamo è quello con maglia a rete (mesh) che combina insieme entrambi i fattori.

Altri elementi da considerare

Come accennavo all’inizio, l’utilizzo che verrà fatto della sedia è essenziale per la scelta delle caratteristiche.

Ad esempio, se fai un lavoro sedentario devi considerare che dovresti stare seduto per diverse ore al giorno, senza alzarti e con il mal di schiena ogni sera.

Perciò, ti consigliamo sedie ergonomiche che supportano la schiena ed evitano di stare in una posizione errata. Ma è importante anche che le sedie possano essere regolate e personalizzate in base alla tua statura e corporatura: quindi altezza della base, dello schienale, inclinazione, etc.

Per tutte le informazioni sulle sedie da ufficio consulta il nostro sito o invia un’e-mail a info@gierresedute.it

Le caratteristiche delle sedie direzionali

Sedie direzionali

Le sedie direzionali, insieme a una scrivania di design e l’intero arredo, caratterizzano un ufficio dirigenziale.

Quindi possiamo dire che arredare un ambiente di lavoro non è mai semplice, soprattutto quando si tratta di uffici presidenziali o dirigenziali. Ma oltre a un gusto personale, bisogna sempre considerare tutte le norme a tutela del lavoratore.

Ad esempio, quando scegliamo delle sedie direzionali è importante che possano essere regolate dalla persona che le andrà a utilizzare, quindi alla base e sullo schienale. E solo così potranno garantire il massimo comfort. Ma anche la scelta del materiale è importante, e nel caso di una sedia per un ufficio di direzione dev’essere comodo, glamour e professionale.

Cosa sono le sedie per gli uffici direzionali

Le sedie direzionali sono tra le più essenziali all’interno di un ufficio perché sono destinate ai direttori, manager dei grandi uffici o a chi occupa posizioni di rilievo all’interno dell’azienda. Inoltre, sono sedute che hanno un design molto curato soprattutto nei rivestimenti.

Di solito sono rivestite in pelle o ecopelle, hanno grandi dimensioni e vengono adattate su scrivanie importanti e dal design ricercato. E in questo modo tutto l’ufficio risulta avere una certa importanza degna di chi occupa la sedia posizionata al suo interno.

Parliamo anche di comfort: elemento da non tralasciare

Le sedie direzionali non sono solo degli elementi di design e di rappresentanza, ma devono anche offrire il giusto comfort. E questa è una priorità che non deve essere messa in secondo luogo, in quanto è necessario rispettare tutte le norme per la sicurezza sul lavoro.

Ad esempio, è importante che abbiano una seduta comoda per le giornate in cui verranno occupate per molte ore. E devono sostenere le forme del corpo favorendo l’aumento della concentrazione.

Ma, oltre alla comodità, è importante anche la resistenza e la longevità delle sedie, così da poter essere usate molto di più durante le giornate e nel tempo. Nel nostro catalogo, la poltrona Glamour potrebbe essere la scelta giusta per i vostri uffici.

 

Le sedie e poltrone da ufficio vi sono diversi modelli

sedie e poltrone da ufficio

Le sedie e poltrone da ufficio sono le sedute idonee per arredare gli ambienti di lavoro, sono dei veri dispositivi utilizzati per tutelare la salute del lavoratore. In base alla tipologia del lavoro da svolgere vi sono diversi modelli di sedie ergonomiche: le poltrone operative, le direzionali, le sedie conferenza o attesa. Le sedie operative sono le sedute più comuni che troviamo in tutti gli uffici degli operatori che lavorano seduti alla scrivania, sono leggere e dinamiche, strutturate per sostenere una postura corretta per diverse ore di seguito. È dotata di sistemi sincronizzati di regolazione e di elevazione a gas della seduta, ogni sedia infatti deve consentire all’operatore di poterla completamente personalizzare in base alla propria statura e al proprio peso.

Le poltrone direzionali e le sedie attesa dove collocarle

Tra le sedie e poltrone da ufficio troviamo anche le direzionali, che hanno le stesse caratteristiche di ergonomicità delle sedie operative, perché sono anche loro dei dispositivi da lavoro, che si differenziano perché hanno uno stile più ricercato e una struttura più imponente. Questa tipologia di sedia è scelta per arredare uno studio decisionale o del responsabile dell’azienda, grazie alla sua imponenza, infatti rende l’ufficio professionale e di classe.
L’altra tipologia di sedia che prevede la normativa in materia di sicurezza nei luoghi di lavoro è la sedia conferenza o attesa, titolata ad arredare sale d’attesa, sale adibite a conferenze e aule studio, la seduta e lo schienale sono ergonomici e il modello più classico è rappresentato dalle quattro gambe tubolari.

Ecco le sedie e poltrone da ufficio in breve

Le sedie e poltrone da ufficio sono: le operative, le direzionali e le conferenza o attesa, lo sa bene la Gierre Sedute, l’azienda che progetta e realizza da oltre trent’anni sedute da lavoro e per la collettività, operando con passione nel mondo dell’arredo e del design. Gierre propone una vasta gamma di programmi di sedute da lavoro tra direzionali, presidenziali, operative, conferenza, panche e divani attesa, dando la soluzione adatta per ogni esigenza in ufficio e nei luoghi pubblici. Tutte le sue creazioni sono interamente personalizzabili per adattarsi completamente all’operatore che la dovrà utilizzare inoltre, sono realizzate nello stabilimento tutto italiano di Sant’Elena a Padova.   

  

L’importanza delle poltrone attesa ufficio

poltrone attesa ufficio

Le poltrone attesa ufficio sono importanti perché sono la seduta che incontriamo quando ci rechiamo in uno studio medico, in un ambulatorio, in un ufficio pubblico o di un professionista.
La normativa richiede che le sedute debbano avere delle caratteristiche specifiche ovvero essere confortevoli con lo schienale e il sedile ergonomici, per rendere piacevole l’attesa del proprio turno. Si richiede inoltre che debbano essere utilizzati dei materiali facilmente lavabili per mantenere alto il livello d’igiene, poiché sono dei luoghi pubblici dove transitano diverse persone. Le poltrone attesa a differenza delle sedie fisse a quattro gambe sono sedute utilizzate per lo più in ambienti dove non si richiedono molti posti a sedere come studi di professionisti cui si accede su appuntamento.

Le varie tipologie di poltrone attesa

Le poltrone attesa ufficio sono delle sedute eleganti che arredano una sala d’attesa di uno studio importante, imbottite con poliuretano espanso indeformabile e rivestite da materiali pregiati come la pelle.  Le poltrone attesa inoltre possono essere utilizzate per arredare una sala conferenze, “Ersilia, Tecla, Temaki e Theca” sono poltroncine molto raffinate proposte da Gierre Sedute, l’azienda che si occupa di progettazione e produzione di sedute da lavoro da oltre trent’anni, disponibili con il telaio a 4 gambe in acciaio cromato, con le gambe in legno, con la base a 4 raggi, e con la base a slitta.

Poltrona o sedia nella sala d’attesa di un ufficio?

Scegliere tra le sedie o le poltrone attesa ufficio dipende dallo spazio che si ha a disposizione e anche dalla tipologia di sala d’attesa che ci occorre arredare. Per un ambulatorio di un medico di base non è opportuno dotarsi di poltrone attesa ufficio perché i pazienti che arrivano sono numerosi, in questo tipo di ambiente servono sedie abbinate a panche d’attesa. In un ambulatorio oculistico privato ad esempio, è possibile dotarsi di poltrone attesa perché i pazienti prima di accedere allo studio medico devono prendere un appuntamento, per questo motivo è più facile gestire l’affluenza delle persone.

La poltrona presidenziale ufficio pelle è un arredo protagonista di un ufficio dirigenziale

poltrona presidenziale ufficio pelle

La poltrona presidenziale ufficio pelle è il segno distintivo di un ufficio importante, come può essere quello destinato al proprietario dell’azienda oppure ai manager o ai capi settori. Arredare questi uffici con una poltrona direzionale di pelle serve per dare un’immagine all’azienda di professionalità, serietà e anche eleganza. Possiamo affermare che la poltrona presidenziale in pelle è diventata un simbolo che identifica la persona che la occupa come un individuo che ha raggiunto il massimo vertice della scala lavorativa e che, grazie alle sue capacità imprenditoriali, si è aggiudicato un posto al comando.

Perché prediligere una poltrona presidenziale in pelle

Si predilige la poltrona presidenziale ufficio pelle perché è la tipica seduta di cui ci si dota in un ufficio importante. Se osserviamo un’azienda dove ci sono vari uffici, possiamo notare che gli ambienti destinati ai luoghi di lavoro per gli operatori che giornalmente impiegano la loro giornata dietro una scrivania, sono arredati con delle sedie operative ergonomiche adatte a supportare una postura corretta durante il lavoro. Per quanto riguarda invece gli uffici dei capi settori e dei manager sono arredati con più cura perché sono la vetrina che racconta l’azienda e ne rappresenta la professionalità. È per questo motivo che si scelgono le poltrone presidenziali che sono più grandi delle operative, imbottite con materiali indeformabili molto confortevoli e soprattutto rivestite di pelle pregiata.

Le poltrone presidenziali da ufficio con un design glamour

La poltrona presidenziale ufficio pelle è una sedia dal design glamour e professionale, curata nell’aspetto estetico molto di più rispetto a una sedia operativa, più pratica e funzionale, e domina, con la sua maestosità tutto l’ambiente. “Calypso” o “Arcadia” sono alcuni esempi di poltrone presidenziali proposte da Gierre Sedute, hanno un design ricercato sia nello stile sia nei materiali utilizzati. L’azienda, leader del settore, progetta e produce sedie da lavoro e per la collettività da oltre trent’anni, garantisce inoltre un prodotto tutto made in Italy realizzato nello stabilimento veneto di Sant’Elena.   

Le sedie direzionali visitatore ergonomiche dove le troviamo

sedie direzionali visitatore ergonomiche

Le sedie direzionali visitatore ergonomiche, sono delle sedute da lavoro e le troviamo, di solito, all’interno di uno studio molto importante, come può essere l’ufficio del responsabile di un’azienda che occupa una posizione al vertice. Gli studi dei professionisti privati che svolgono la loro attività lavorativa avendo un contatto diretto con i loro clienti, possono decidere di dotarsi di sedie direzionali visitatore rendendo così l’ufficio veramente professionale e di classe. Per la progettazione e la produzione di poltrone direzionali, vi è una maggiore ricercatezza sia nell’utilizzo dei materiali, si prediligono quelli pregiati come il rivestimento di pelle della seduta e dello schienale, sia per quanto riguarda il design più elegante e raffinato.

Ci sono delle differenze tra la classica direzionale e quella per visitatore?

Le sedie direzionali visitatore ergonomiche sono leggermente differenti dalle direzionali scelte per essere posizione dietro la scrivania, è lo schienale che fa la differenza. La caratteristica principale della poltrona presidenziale, che si evince subito al primo sguardo, è lo schienale alto e imponente che sovrasta la scrivania, la poltrona direzionale utilizzata per il visitatore può essere invece scelta con lo schienale medio. Entrambe le tipologie hanno le medesime caratteristiche che si riferisce all’ergonomia come previsto dalla normativa europea l’UNI EN 1335 che si è espressa in materia di sicurezza sul lavoro.

Direzionale per visitatore o sedia conferenza?

Le sedie direzionali visitatore ergonomiche non sono richieste dalla normativa sulla sicurezza del lavoro come seduta per i clienti. La scelta di utilizzarle, infatti, nasce principalmente, dall’esigenza di creare un ambiente molto professionale ed elegante, si pensi ad esempio allo studio di un notaio dove solitamente troviamo un ambiente molto curato, dal design raffinato, dove regna un’armonia tra gli arredi come librerie in stile, scrivanie imponenti e le sedute, quindi, saranno in linea con l’ambiente circostante.    

Le poltroncine da laboratorio ergonomiche adatte per specifiche professioni

Poltroncine da laboratorio

Le poltroncine da laboratorio sono le sedie caratteristiche scelte per arredare ambienti dove i lavoratori si occupano di svolgere attività per cui si richiede la massima libertà di movimento con un sostegno ad hoc per la schiena. Deve prevedere, per questo motivo, uno schienale che sia il più possibile aderente alla schiena, in grado di sostenerla nella postura. Solitamente non ha bisogno di braccioli, per consentire alle braccia di muoversi in modo agevole, inoltre deve essere dotata di sistemi di regolazione e di una base a cinque razze con ruote. La struttura è differente dalla poltrona operativa perché deve agevolare posizioni diverse come ad esempio una postura protesa in avanti per le attività al microscopio.

Per quale tipologia di lavoro occorrono le poltroncine da laboratorio

Le poltroncine da laboratorio si trovano all’interno degli ambienti di lavoro, dove operano ricercatori, oppure nei laboratori di analisi, che siano esse mediche, chimiche o farmacologiche. Le poltroncine sono di dimensioni più piccole rispetto alle poltrone da ufficio, perché collocate in spazi ridotti come appunto un laboratorio.  Per garantire un agevole movimento dell’operatore si richiede che questa tipologia di seduta sia flessibile, cioè deve seguire i movimenti della schiena continuandola a sostenere in modo continuo, molti modelli di poltroncina da laboratorio sono privi di schienale alto, perché ciò comporterebbe una limitazione di movimento, il sedile può essere in legno, in plastica rigida oppure imbottito, l’importante è che sia facilmente lavabile per consentire la massima igiene.

I modelli di poltroncine da laboratorio più richiesti

I modelli di poltroncine da laboratorio più in voga sono con la seduta e lo schienale di legno, ergonomiche poste su di una base a cinque razze con ruote senza braccioli, con sistemi di regolazione sincronizzati ed elevazione della seduta a gas. Gierre Sedute propone la poltroncina da lavoro con schienale e seduta di legno di faggio, con spessore 20 mm, nel suo modello “Xelenia” dotata di più punti regolabili per una corretta ergonomia di seduta; come pure i modelli Ixti e Styar, dotati di una meccanica a 3 leve, con la regolazione indipendente del sedile e dello schienale e la regolazione in altezza dello stesso. Ottima per arredare un luogo moderno e dinamico come un laboratorio di ricerca.

Poltrona in rete direzionale per l’ufficio del capo

poltrona in rete direzionale

Le poltrone direzionali come sappiamo sono delle sedie di rappresentanza utilizzate per arredare gli uffici dirigenziali, dei capi settori, del responsabile dell’azienda e per questo motivo richiedono un design più raffinato e ricercato che comprende anche i tessuti pregiati utilizzati per il suo rivestimento come la pelle. Il design è in linea con tutti gli altri arredi dell’ufficio dirigenziale ed è il bigliettino da visita dell’azienda. Se il design scelto è moderno, è possibile dotarsi di una poltrona in rete direzionale che rispecchia uno stile dinamico e giovane senza contare che è altamente traspirante e la rete dello schienale si adatta alle curve della spina dorsale consentendo una postura corretta.

La poltrona presidenziale con lo schienale in rete

La poltrona in rete direzionale è un mix tra autorevolezza e modernità, è anch’essa dotata di uno schienale alto come la direzionale classica di pelle e ha anche tutti i sistemi di regolazione che prevede la norma UNI EN 1335 sulle caratteristiche di ergonomia per le sedute da lavoro. Abbiamo più volte detto che la scelta della poltrona da lavoro è molto personale e anche per quanto riguarda la poltrona direzionale di rappresentanza non è per niente scontato che sia scelto il classico modello imbottito e rivestito di pelle. Se si preferisce una seduta più dinamica, con uno schienale che permette il massimo confort e una maggiore traspirabilità, la scelta giusta sarà la direzionale con schienale in rete.

Le proposte della Gierre Sedute in tema di direzionali

La poltrona in rete direzionale “Kuma” ha un design elegante, la struttura è in acciaio verniciato nero rivestito interamente di rete dotata anche di supporto lombare, regolabile in altezza. Il sedile è in multistrato di faggio imbottito di poliuretano espanso per dare un confort di seduta ottimo. La sedia è dotata di tutti i meccanismi per consentire la personalizzazione della seduta, come i sistemi di elevazione a gas e il meccanismo sincronizzato, come anche i braccioli, regolabili in altezza, profondità e orientabili, con anima in acciaio cromato e copertura in nylon e pad morbido. La poltrona è dotata di una base girevole a cinque razze con ruote per agevolare gli eventuali movimenti e spostamenti della persona che la utilizza.

La panca d’attesa è giusta in un ambiente piccolo

panca d'attesa

La panca d’attesa è una tipologia di seduta utilizzata per arredare le sale adibite ad accogliere le persone durante il periodo di attesa del proprio turno. Sono caratterizzate da più sedute una di fianco all’altra posizionate su una barra e solo alle due estremità ci sono le gambe. Questa disposizione delle sedie su panca permette di ottimizzare lo spazio all’interno della sala d’attesa creando più post per sedersi. Lo schienale e la seduta hanno una forma ergonomica per consentire un discreto confort alle persone che si siedono. I materiali utilizzati possono essere il ferro traforato per dare la massima traspirabilità alla seduta e consentire una pulizia completa della seduta che sarà facilmente lavabile.

Dove è possibile collocare correttamente la panca attesa

La panca d’attesa può essere posta negli studi medici o di professionisti come avvocati o commercialisti, oppure nei luoghi pubblici come le sale d’attesa degli ambulatori e degli uffici pubblici che offrono servizi ai cittadini come ad esempio l’Inps oppure negli uffici postali dove non è possibile prenotare, insomma in tutti i luoghi dove è necessario attendere il proprio turno, per diverso tempo, e senza appuntamento. Se le dimensioni dell’ambiente lo consentono, si può abbinare le panche d’attesa alle sedie d’attesa, richiedendo all’azienda produttrice un design uguale per entrambe le tipologie di sedute.

Panca per l’attesa o poltroncina?

Decidere se dotarsi di panca d’attesa oppure di sedie d’attesa non è una scelta semplice, occorre anzitutto capire che tipologia di clientela popolerà la sala d’attesa, per evincere il numero di possibili visitatori. Se l’ambiente richiede l’attesa di pochi individui, contemporaneamente, si può anche decidere di dotarsi di poltroncine d’attesa, se l’afflusso sarà importante, è preferibile decidere di ottimizzare lo spazio dotandosi di panche attesa abbinate a sedie per riempire tutti i punti utili della stanza.

1 2 16