Sempre più utilizzato da designer ed arredatori d’interni, l’acciaio cromato è un materiale che si sposa molto bene non solo con uno stile moderno o ultramoderno, con forme avveniristiche, ma anche con mobili dal gusto classicheggiante e con il legno: l’apparente contrasto che si viene a creare, infatti, potrebbe essere definito come una “armonica dissonanza”, tesa a valorizzare il materiale predominante. Resistente alle sollecitazioni meccaniche e agli urti accidentali, facile da pulire, duro e durevole, produrre una base sedie in acciaio cromato infonde uno stile ed una attenzione ai dettagli sempre molto apprezzati dalla clientela.

Sono i dettagli a fare la differenza. Soprattutto in ufficio

In un contesto lavorativo, soprattutto quando si arreda una postazione di front-office, risulta importantissimo prestare la massima cura anche al più piccolo particolare: nell’alveo di una comunicazione non verbale, largamente utilizzata dagli architetti, ogni dettaglio infonde nello spettatore un messaggio preciso che è colto a livello semi inconscio. Un saggio utilizzo della luce, attraverso fonti luminose, finestre, colori chiari, vetri e superfici riflettenti trasmette, ad esempio, un senso di affidabilità, di chiarezza, di efficienza, di trasparenza. Anche in ciò, dunque, risiedono le motivazioni del largo utilizzo di una base sedie in acciaio cromato in ufficio: valorizzare, anche con un dettaglio apparentemente insignificante, i valori aziendali in modo semplice e diretto.

Tipologie di basi per sedie in acciaio cromato

Avendo già analizzato le qualità estetiche e funzionali dell’acciaio cromato, si può comprendere perché la maggior parte delle sedie e poltroncine montino una base in questo materiale, qualunque design esse seguano. Se per i modelli di sedute dirigenziali, che necessitano di offrire maggiore mobilità senza tralasciare l’eleganza, la base in acciaio cromato è generalmente a stella, al termine della quale sono montate le rotelle, nelle sedie fisse essa può consistere nelle classiche quattro gambe: in quest’ultimo caso, in particolare, può essere interessante la possibilità di impilare le sedute, in modo da riporle con un minimo ingombro di spazio.