Insieme alle forme, ai volumi che intende disegnare e che conferiscono importanza ed eleganza al mobile, il rivestimento di una poltrona assume una importanza basilare nel creare un elemento di arredo che sia di forte impatto visivo: pelle, ecopelle, velluto damascato, lino, seta e altre fibre tessili, infatti, sono capaci di infondere una personalità diversa al medesimo modello di seduta, rendendolo pregiato, elegante, fresco, classicheggiante, ampolloso, informale. I sensi coinvolti, d’altro canto, non si fermano alla sola vista: ogni tipologia di rivestimento, come una copertura poltrone nylon nero, porta con sé un insieme di sensazioni tattili ed olfattive inequivocabili che concorrono, insieme al comfort offerto dalla poltrona, a ristornare all’utilizzatore quel piacere cercato al momento dell’acquisto.

I nemici dei rivestimenti e delle coperture delle poltrone

Le poltrone, soprattutto se utilizzate in ambito domestico all’interno di un salotto o di un tinello, sono inevitabilmente soggette ad una serie di minacce che potrebbero inficiarne l’aspetto. Come fare, ad esempio, a conservare immutato l’aspetto dei vari tipi di copertura delle imbottiture? Oltre all’usura, data dall’attrito dei vestiti e dal contatto con la pelle del corpo, infatti, i fattori di rischio sono dati dai peli di cani o gatti, dal versamento di bevande, dalle briciole o da giochi particolarmente energici dei più piccoli. Una scelta che si rivela abbastanza efficace potrebbe essere quella di optare per una copertura poltrone nylon nero.

Perché utilizzare una copertura in nylon nero?

Ideale per cambiare look delle proprie poltrone in modo semplice e veloce, grazie alla facilità dell’operazione di foderare, una copertura in nylon nero garantisce sicurezza e longevità: se il colore, infatti, denota stile ed eleganza, la fibra utilizzata è impermeabile, antimacchia e capace di resistere all’abrasione e all’usura in modo assolutamente egregio. Sono molte le aziende produttrici, inoltre, a rendere la copertura in nylon nero ignifuga, in modo da aumentarne le prestazioni e rendere il tessuto utilizzabile, ad esempio, per rivestire le poltrone dell’ufficio.