L’azienda e il cliente: una storia complicata

In un mondo sempre più competitivo quale quello del mercato globalizzato, la clientela è posta di fronte ad una vasta scelta per il prodotto o il servizio che desidera acquistare. Dal punto di vista delle aziende si prospetta, allora, una affannosa lotta per mostrare la propria qualità. Eppure la quotidiana esperienza ci narra una storia diversa o quantomeno complementare: il compratore, infatti, è sempre maggiormente attratto da chi riesce a mostrargli un’attenzione particolare, presentando il prodotto in modo efficace. Parimenti, una azienda che voglia essere competitiva dovrà curare i locali nei quali ricevere la propria clientela. E se ciò vale per ogni ambiente, non possono naturalmente fare eccezione gli uffici della direzione.

Caratteristiche di una poltrona direzionale per visitatore

La poltrona sulla quale far accomodare il visitatore non potrà non essere confacente al contesto e all’importanza del luogo: occorrerà allora scegliere delle sedute con un design particolare, in grado di farsi silenti portavoce dei valori aziendali quali accoglienza, affidabilità, trasparenza e professionalità. Inoltre, trattandosi di un ufficio di particolare rilevanza, anche la poltrona dedicata al visitatore avrà caratteristiche del tutto simili alla sedia direzionale, e ciò sia per non accostare due stili diversi, ma soprattutto per porre il cliente in una posizione a cui dedicare la meritata attenzione.

I principali modelli di poltrona visitatore per un ufficio direzionale

Fisse con la classica slitta in metallo cromato, capaci di rifrangere la luce, oppure oscillanti e montate su ruote, le poltrone direzionali visitatore si contraddistinguono per essere sontuose, spesse volte ergonomiche, e con dimensioni più grandi rispetto agli analoghi modelli proposti per gli uffici operativi. Anche i colori utilizzati richiamano quella serietà che merita la fiducia del cliente: largo allora a pelle o ecopelle con tonalità tendenti al panna o al nero, ma anche il rosso acceso trova un buon mercato, adattandosi per contrasto alla maggior parte degli stili di arredamento adottati dalle aziende.