Perché scegliere una poltrona imbottita

Comodità ed importanza sono le caratteristiche principali di una poltrona imbottita. E non potrebbe essere diversamente: chi opta per una scelta simile, infatti, generalmente ha la necessità di una seduta che abbia un notevole impatto sull’arredamento globale dell’ambiente. Grazie alle forme fluide e morbide e ad un ingombro proporzionato alla sua eleganza, la poltrona diviene la regina della sala, conferendo uno stile inconfondibile e giocando un ruolo da vera, assoluta protagonista. Scegliere una poltrona imbottita, tuttavia, dovrebbe tenere conto non solo dell’impatto estetico, certamente non trascurabile, ma anche della comodità che una seduta così importante promette al solo guardarla.

Confort e morbidezza

Il segreto del confort di una poltrona imbottita risiede, oltre che nella struttura portante, soprattutto nella qualità dei cuscini, che non dovranno risultare troppo morbidi né, al contrario, eccessivamente massicci, ma capaci di sostenere adeguatamente il peso del corpo. È a tale scopo che, ad esempio, le imbottiture della seduta sono di norma più rigide rispetto a quelle ubicate nei braccioli o nello schienale. La comodità, allora, è il saggio risultato di sofficità, sensazione tattile che dà l’idea di accoglienza e capacità di conformarsi alle forme del corpo, morbidezza dei materiali e resistenza degli stessi alla compressione.

La qualità dei materiali

Le prestazioni di una poltrona imbottita, più di qualunque altro tipo di seduta, trovano fondamento nella progettazione del prodotto ma, soprattutto, nella qualità dei materiali impiegati. Se il complesso di molle e di gommapiuma costituiscono il sostrato per la maggior parte dei modelli, essi possono anche prevedere un’anima interna, ad esempio, in legno: il poliuretano espanso, tuttavia, è ciò che costituisce la vera e propria imbottitura della poltrona. Utilizzare materiale non di alta qualità avrebbe una duplice conseguenza: da un lato, renderebbe difficile modellare la seduta, che avrebbe forme indefinite e morbide; dall’altro, i cuscini risulterebbero troppo soffici e, dunque, scomodi.