L’importanza del rivestimento in una seduta

Nell’acquisto di una poltrona, la scelta del rivestimento è importante esattamente quanto quella relativa al modello: il colore, il materiale, la trama, tutto concorre a rendere la poltrona il perfetto elemento di arredo e di design che si cercava. Non porre attenzione alla texture, ad esempio, potrebbe avere la conseguenza di appesantire visivamente la sedia o, al contrario, di non valorizzarla completamente. D’altro canto, l’acquisto di un rivestimento si rende necessario nei casi in cui si voglia restaurare una sedia esistente o darle una nuova personalità. Esiste sul mercato una grande quantità di rivestimenti per poltroncine. Ma come e seguendo quali parametri ci si può orientare?

Come scegliere tra le tante proposte

I capisaldi per effettuare una buona scelta sono essenzialmente tre. Si dovrà tenere conto, anzitutto, del design della poltrona e dello stile dell’arredamento nel quale sarà inserita: per una sedia antica, magari di metà Ottocento, potrebbe essere indicata una stoffa rigata, con una fantasia floreale; analogamente, ad una seduta particolarmente pregevole si potrebbe accostare una seta. Il secondo parametro è dato dal tipo di utilizzo: una sedia da conferenza, ad esempio, dovrà necessariamente avere un rivestimento molto resistente ed una trama più fitta. Entrambi i fattori, comunque, dovranno armonizzarsi con il proprio, personale gusto estetico.

Tessuto per rivestimenti: dal cotone alle fibre sintetiche

Le tipologie di tessuto per rivestire le poltroncine sono le più varie: dalle fibre naturali, come cotone, velluto o lino, ai rasi, dalla microfibra all’ecopelle, sono molteplici i rivestimenti a disposizione del cliente, largamente personalizzabili perché disponibili in molti colori, dai più accesi a tonalità più tenue. Per sedute aziendali o per sedie per ristoranti o bar, potrebbero essere indicati tessuti idrorepellenti o antimacchia, così come rivestimenti ignifughi per soddisfare i requisiti antiincendio stabiliti dalla normativa vigente. Di notevole impatto visivo è, ad esempio, la collezione “Fenice – A” di Gierre Sedute, con tonalità cromatiche molto interessanti.